CALABRIA E BASILICATA

Questa azienda di consulenza greca, precisamente della regione del Peloponneso, una delle zone della Grecia  in cui la coltivazione dell’olio è più diffusa, è inserita nella rete dei produttori di olio di oliva e di olive. In particolare sono tre le varietà di olive che vengono coltivate qui: koroneiki, matsolia e mavrolia.

La sua richiesta consiste in soluzioni/tecnologie  avanzate che possano trovare applicazione nelle diverse fasi della produzione dell’olio di oliva (coltivazione, lavorazione, packaging e commercializzazione). La sua attenzione è focalizzata principalmente su soluzioni efficaci, facili da usare e pronte per essere implementate. Le soluzioni, da proporre alle aziende con le quali collabora e che operano, appunto, nel settore della produzione di olive e olio d’oliva, devono essere opportunamente adattate alle particolari esigenze locali e al tipo di olive locali.  Le collaborazioni con i  fornitori delle tecnologie avverranno nell’ambito di accordi commerciali con assistenza tecnica. Sulla base di tale tipologia contrattuale, l’azienda oltre alla tecnologia riceverà usufruirà di una serie di servizi di supporto all’attività di trasferimento tecnologico e alla customizzazione sulla base di esigenze specifiche.

 L’azienda, in particolare, è alla ricerca di diverse soluzioni da proporre  propri clienti, relative a:

  • monitoraggio delle fasi di qualità, salute e coltivazione degli ulivi (gestione dei parassiti);
  • misurazione facile e precisa del contenuto di acido fenolico nell’olio d’oliva;
  • misurazione facile e precisa delle caratteristiche qualitative dell’olio d’oliva come l’acidità, il colore, ecc…;
  • semplificazione del processo di estrazione con metodi di lavorazione alternativi;
  • valorizzazione dei sottoprodotti della produzione di olio d’oliva e di olio d’oliva (come l’uliveto);
  • qualsiasi altra offerta di soluzione tecnologica per l’industria olivicola (ad esempio gestione del processo, strumenti informatici, ecc.).

Le soluzioni offerte dovrebbero essere dotate di profili  innovativi tali da consentire agli utenti l’acquisizione di vantaggio competitivo. A titolo esemplificativo si indicano soluzioni che consentano:

  • di ottenere  certificazioni per il livello elevato di acido fenolico alto, per il miglioramento della salubrità del prodotto e conseguentemente ottenere un margine di profitto più elevato;
  • di migliorare la resa  e ridurre al minimo i costi;
  •  di entrare in mercati di nicchia e specialità;
  • di affrontare il problema della valorizzazione dei rifiuti derivanti dal processo di produzione dell’olio d’oliva.

Le soluzioni proposte, come già anticipato, dovrebbero essere già disponibili o prossime al mercato.